Essi vedranno la gloria del Signore!

Oggi, nella liturgia della Parola, troviamo ancora Giovanni Battista come protagonista della vicenda evangelica. Ma oggi troviamo un Giovanni Battista un po’ scettico su Gesù: egli, come tutto Israele, si aspettava un Messia che avrebbe sconvolto i peccatori, una specie di ira di Dio, che con il ventilabro avrebbe ripulito la sua aia, che con il fuoco avrebbe bruciato il peccato con il peccatore, una specie di vendicatore a nome di Dio che avrebbe spazzato via ogni ingiustizia, ogni forma di violenza, di cattiverie, di sopruso….

23^ Giornata Nazionale della Colletta Alimentare

Accanto alla operosa attività quotidiana di recupero di eccedenze alimentari da destinare ai più poveri del nostro Paese, Fondazione Banco Alimentare Onlus organizza ogni anno, l’ultimo sabato di novembre, la Giornata Nazionale della Colletta Alimentare….

La parola nel deserto

La Parola sta nel deserto, per voce di Giovanni. A margine, forse, della grande storia. Debolezza del luogo saremmo tentati di dire oggi.
Eppure, l’esordio del Vangelo di questa domenica è solenne: convoca i grandi della terra, involontari testimoni di un evento che ignorato o quasi dalle cronache ufficiali ha certamente mutato il corso della storia umana. Dio che entra nella vicenda umana: questo è l’evento che segna l’intera vicenda umana.
Il Natale di Gesù appartiene alla storia e non al mondo delle favole belle, seducenti ma inguaribilmente lontane dalla realtà…..

BENVENUTO DON HERVE’ SIMEONI!

Sabato 16/11 alla S. Messa delle Ore 18.30, Mons. Giuseppe Vegezzi presenterà a tutta la comunità Don Simeoni Hervé.
È il sacerdote che ci aiuterà nella pastorale delle nostre parrocchie (Cascinetta e Cajello). Abiterà insieme a Don Carlo Galli in casa parrocchiale a Cascinetta….

L’Avvento e la sofferenza di Dio

Con questa domenica inizia l’Avvento, tempo di vigilanza e di attesa.
Essere vigilanti, attendere, che  cosa vuol dire?
Chi dorme è chiuso in sé stesso, non percepisce la realtà fuori di sé, e anche nei suoi sogni non è in grado di percepire la realtà, ma solo ombre riflesse della sua mente.
Svegliandosi, esce dal carcere, e percepisce la realtà che lo circonda. Si apre ad essa….

Benedizioni Natalizie 2019

Nelle settimane precedenti il Natale è tradizione che il sacerdote suoni alle porte delle case e dei luoghi di lavoro per una benedizione. Bene-dire: il Signore intende dire bene di storie che nascono e crescono ove si vive. Storie di speranze e progetti di buona volontà, ma anche di sofferte e faticose esperienze, che sono espressione di ogni ambiente serio di vita….

Rinnovo Consiglio Pastorale Parrocchiale – comunicazione importante

Nella settimana tra il 29/09 e il 13/10 abbiamo raccolto le candidature per il rinnovo de C.P.P.
Il numero delle persone che hanno accettato la candidatura non è molto elevato e corrisponde a quanti sarebbero poi scelti se si tenessero regolari elezioni.
Di conseguenza, d’accordo col vicario episcopale, non terremo le elezioni del C.P.P. come previsto, ma coloro che hanno accettato la candidatura risulteranno automaticamente eletti nel consiglio stesso.
Il nuovo consiglio, come previsto, sarà presentato alla comunità domenica 17 novembre….

La gloria, la freddezza

La pagina di Matteo 25, quella che ascoltiamo nel Vangelo, è chiamata spesso la pagina del “Giudizio Universale”. Per questa ragione, mentre la leggiamo abbiamo subito un po’ di tremore e un po’ di inquietudine. È una pagina che ha dentro un giudizio, si parla di fuoco eterno e quindi ci si potrebbe anche spaventare un po’; eppure è una pagina ricca di misericordia….

Lettera aperta agli adolescenti ed ai loro genitori

In seguito si recò in una città chiamata Nain e facevano la strada con lui i discepoli e grande folla. Quando fu vicino alla porta della città, ecco che veniva portato al sepolcro un morto, figlio unico di madre vedova; e molta gente della città era con lei. Vedendola, il Signore ne ebbe compassione e le disse: «Non piangere!». E accostatosi toccò la bara, mentre i portatori si fermarono. Poi disse: «Giovinetto, dico a te, alzati!». Il morto si levò a sedere e incominciò a parlare. Ed egli lo diede alla madre. Tutti furono presi da timore e glorificavano Dio dicendo: «Un grande profeta è sorto tra noi e Dio ha visitato il suo popolo». La fama di questi fatti si diffuse in tutta la Giudea e per tutta la regione….

Quel che il Signore prepara

Non è la prima volta che ci troviamo di fronte a un Dio che cucina, ne avevamo parlato non troppo tempo fa.
L’immagine mi piace, e piace di sicuro al profeta Isaia che nella lettura di oggi ce la descrive con ricchezza di particolari. Di per sé il profeta ci invita ad andare oltre le pareti della cucina per guardare cosa succede in sala da pranzo. Diamo un’occhiata insieme…..