• Archivio Articoli

  • Avvisi

Considerazioni “stravaganti”

Oramai è quasi un mese che le celebrazioni liturgiche sono alla presenza del popolo, anche se con le dovute norme di sicurezza.
Prima, al tempo delle S. Messe senza popolo, da più parti si invocava la libertà di culto, si riteneva il non
poter partecipare alle funzioni liturgiche (S. Messa in primis) come uno scaldalo: “proprio adesso che c’è
maggior bisogno di pregare …”….

Domenica 17 maggio, offerta per la terza domenica del mese

Domenica 17 Maggio per Cascinetta è “La terza domenica del mese”, tradizionale domenica in cui molti fanno la loro offerta per l’Oratorio attraverso una busta.
Purtroppo rimanendo ancora le restrizioni, le S. Messe sono celebrate senza i fedeli.
Tuttavia coloro che desiderano ugualmente fare la propria offerta in queste occasioni possono usufruire dell’Iban riportato qui sotto.
Si sa anche le parrocchie necessitano della generosità di tutti Ringrazio coloro che hanno fatto la loro offerta. Grazie di cuore.

Sto rendendomi conto

L’episodio dell’incontro tra Pietro e il centurione romano Cornelio ci è raccontato più volte da punti di vista diversi dal testo degli Atti degli apostoli; di fatto occupa tutto il capitolo 10 e più di metà del successivo. Mi colpiscono particolarmente le parole di esordio del discorso di Pietro, pronunciate nella casa del soldato romano: “Sto rendendomi conto”. È un inizio umile, dimesso.

Sono arrivato primo

Non si sa bene a chi attribuire la frase resa famosa da un personaggio interpretato secoli fa da Walter Chiari. Il personaggio in questione era un ciclista, che felice per avere sbaragliato la concorrenza e stravinto la gara, urlava al microfono e alle telecamere: “Mamma, sono contento di essere arrivato uno!”. “Uno” sta per “primo”, evidentemente, ma l’ignoto gregario trionfante non ha avuto tempo di studiare letteratura e grammatica e si esprime come può. L’apostolo Paolo, invece, ha studiato eccome! E forse anche per questo non si lascia andare a sgangherati commenti di fronte a televisioni nazionali o locali (allora inesistenti) quando arriva ad Efeso…

BUONA SANTA PASQUA A TUTTI – IL SIGNORE E’ RISORTO!

È difficile fare gli auguri di Buona Pasqua quest’anno. È stata una quaresima strana e faticosa per tutti, sembra davvero essere entrati con Gesù nel deserto rinchiudendoci nelle nostre case e sperimentando come lui la solitudine, con Lui abbiamo sperimentato il digiuno del pane Eucaristico, come lui abbiamo sentito la tentazione quando ci siamo chiesti: perché Dio non interviene? E abbiamo pensato che il Signore fosse indifferente alle nostre preghiere. Ora ci ritroviamo più poveri:…

RIFLESSIONI

Nelle mani dell’Amore.
Come è inutile contare ciò che ami cose fragili accumulate nei tesori che saziano gli occhi, ma inquinano l’anima, così distante da tutto ciò che si fonde nel risucchio mortale che il tempo divora, lasciando solo brevi tracce, che la polvere uccide……

ANIMATORI

In questo periodo di “distaccamento sociale” anche l’oratorio è vuoto. Sul campo di calcio sono spuntate le margheritine e dove c’è l’area e crescita l’erba, segno evidente che non viene calpestata …. Mancano i ragazzi. E gli animatori …..

Un aiuto per la comunità

Domenica 3 Maggio per Cajello è “La prima domenica del mese”, tradizionale domenica in cui molti fanno la loro offerta per le opere parrocchiali. Purtroppo rimanendo ancora le restrizioni, le S. Messe sono celebrate senza i fedeli. Tuttavia coloro che desiderano ugualmente fare la propria offerta in occasione della prioma domenica del mese, possono usufruire dell’Iban riportato qui sotto…

Una richiesta garbata

Mi arriva questa mattina una mail molto garbata. La signora che mi scrive, dopo aver ringraziato cortesemente per i nostri messaggi quotidiani e essersi presentata (“Sono una pensionata…”) mi chiede con molto senso pratico: “Come vanno i conti parrocchiali? Sono saltate le raccolte mensili e le spese e specialmente i poveri non spariscono, anzi. Non è il momento di ricordare il conto corrente? Se non vuole farlo pubblicamente, è Lei il pastore io non ho la sua sensibilità, lo ricordi almeno a me, saranno pochi ma tutto serve”. Spinto da questa gentilissima richiesta mi decido a ricordare a tutti le necessità della parrocchia. ….